Creare immagine iso da dvd per masterizzare successivamente

Creare immagine iso da dvd o cd, poterla montare in qualsiasi momento, risparmiando dischi e al tempo stesso avere una fonte per l’installazione virtuale ma “tale e quale” alla versione su supporto digitale è davvero un’ottima comodità, visto che comunque la disponibilità per lo storage è diventata “appannaggio” di tutti, perchè aquistare hard disk capienti non è più un’impresa economica!

Creare immagine iso da dvd per masterizzare successivamente

LINK VELOCI:

Migliori programmi per creare e montare immagini ISO:

Va detto che un’immagine, con estensione .iso, rappresenta una “fotografia” allo stato dei fatti di un supporto e questo non altera alcunchè il contenuto “originale” e mette a disposizione, tramite i programmi sopra indicati, la possibilità di avviarla come se fosse un vero e proprio dvd o cd (se andate in Risorse del Computer, noterete che quando montate un’immagine iso apparirà un’unità fisica virtuale, proprio come se aveste in quel momento in funzione un vero lettore cd o dvd).

Il mio programma preferito è Daemon-tools, per montare le immagini disco e ImgBurn per creare le immagini da dvd o cd. Con questi due programmi installati, potrete gestire le immagini virtuali in maniera gratis, professionale esenza dovervi preoccupare di problemi: ho testato entrambi i programmi i programmi e sono anni che non ho mai avuto problemi :-) .

Per coloro che sono amanti delle cose “concrete“, vi ricordo che potrete sempre masterizzare successivamente l’immagine in questione, andando poi a liberare spazio, specie se utilizzate hard disk SSD che sono ancora poco capienti per il prezzo che costano.

Potete anche aprire le immagini .iso attravero i programmi per la compressione dei file, come ad esempio WinRar o 7zip.

Creare immagine iso da dvd e cd diventerà, come lo è stato per me, un vero e proprio modo per archiviare digitalmente i vostri supporti fisici.
Aggiornato il .
Articolo scritto da Fabrizio Betti , inserito nella categoria Informatica, il .

Condividi su Facebook. Condividi su Google+. Condividi su Twitter. Stampa questa pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *