Compilare Curriculum Vitae in Formato Europeo con pdf

Il curriculum vitae (CV) è il vostro biglietto da visita nonché la chiave per entrare nel mondo del lavoro. Non basta avere esperienza e titoli, bisogna anche saperli valorizzare interessando il possibile datore di lavoro che solitamente ha poco tempo per leggere molti curriculum. In questa guida voglio spiegarvi come compilare curriculum vitae formato europeo. In fondo all’articolo troverete un PDF scaricabarile del formato ritenuto lo standard europeo per i curriculum.


Compilare Curriculum Vitae in Formato Europeo pdf esempio

Spesso questi vengono inviati tramite email in modo che l’azienda interessata possa valutarli con tranquillità ed eventualmente richiedere un colloquio al candidato; per questo è importante caratterizzare il proprio curriculum vitae in modo da non annoiare il responsabile delle risorse umane e far sì che vi chiami per il fatidico colloquio.

In questo articolo, quindi, spiegheremo come scrivere e compilare un curriculum vitae secondo lo standard europeo in modo che la vostra presentazione possa essere ordinata, precisa e di immediata interpretazione.

I vari modelli per scrivere un curriculum possono essere reperiti facilmente in rete e in generale hanno la seguente impostazione. Ecco un tipico esempio di curriculum vitae, descritto nelle sue parti più importanti ed essenziali del layout del modello.

Curriculum Vitae in Formato Europeo:

  • In alto a sinistra viene scritto in stampatello “Formato Europeo per il Curriculum Vitae” mentre in alto a destra si inserisce una foto in formato tessera, come quella usata per la carta d’identità o la patente.
  • Ricordate: è sempre gradita la foto, anzi, alcune grandi società la richiedono obbligatoriamente per prendere in considerazione un curriculum.
  • Nella prima parte del CV dovete riportare le informazioni personali, nell’ordine cognome e nome (preferibilmente in “grassetto”), indirizzo di residenza, indirizzo di domicilio (se diverso dalla residenza), data di nascita, codice fiscale, nazionalità, e contatti cioè numero di cellulare e indirizzo e-mail.
  • A seguire la parte inerente le esperienze lavorative, ricordate di partire dalla più recente fino alla più lontana, indicando il periodo di riferimento, nome e indirizzo del datore di lavoro, tipo di azienda, tipo di impiego e principali mansioni e responsabilità.
  • Consiglio: non inventate, ma valorizzatevi! Scrivete veramente tutte le principali mansioni che avete o che svolgevate, servirà a dimostrare che sapete spaziare anche in campi non strettamente legati al vostro ruolo.
  • La terza parte “Istruzione e Formazione”  dovrebbe contenere il vostro percorso di studio riportando periodi, nome dell’università/scuola frequentata, principali materie o abilità oggetto dello studio e qualifica conseguita. Anche qui, solitamente, si parte descrivendo l’ultimo titolo conseguito fino ad arrivare al diploma superiore.
  • Ci sono curriculum vitae in cui il candidato ha ripercorso la storia scolastica fino alle elementari ma, a mio avviso, pare eccessivo!
  • Passiamo quindi alla sezione “Capacità e competenze personali”, dove andrete a riportare tutte quelle capacità acquisite nel corso della vita e della carriera ma non necessariamente riconosciute da certificati e diplomi ufficiali.
  • Solitamente l’inserimento nella sezione delle lingue conosciute con il grado di capacità di lettura, scrittura e di espressione orale è d’obbligo; ma attenzione: se non eccellete in una lingua, specialmente se si tratta dell’inglese, non focalizzate l’attenzione sul vostro punto debole ma andate direttamente a descrivere altre capacità.
  • Potete continuare descrivendo le vostre “capacità e competenze relazionali” sviluppate durante lavori di gruppo o sport nonché durante il volontariato. Dovreste parlare delle esperienze in cui avete vissuto o lavorato con altre persone, magari in ambiente multiculturale, in cui la comunicazione è importante, sottolineando quali competenze sono emerse da queste esperienze.
  • In questa fase il curriculum vitae è giunto al punto cruciale: “Capacità e competenze tecniche” e “Capacità e competenze artistiche”.

Per qualsiasi datore di lavoro queste due voci, unite alle esperienze professionali o di studio, sono molto importanti e le più osservate durante la lettura del curriculum vitae. Abbiate quindi cura di descrivere prima il grado di conoscenza del computer, di attrezzature o macchinari particolari, poi il vostro hobby, la capacità di suonare, scrivere o dipingere nonché la predisposizione ai viaggi, non saltate nessuna delle vostre capacità ma evitate di “allungare il brodo” diventando prolissi perché un buon curriculum non viene giudicato per quanto è lungo, ma in base alla coerenza delle informazioni contenute!

Infine, nella sezione “Ulteriori Informazioni” potete scrivere brevemente tutto quello che ritenete degno di nota e che non rientra nelle precedenti categorie, come ad esempio se siete patentati e automuniti.

Ricordate di firmare a penna i vostri CV se intendete consegnarli in formato cartaceo e…in bocca al lupo! ;-)

Per compilare un curriculum online oppure guardare come esempio un format ufficiale, vi consiglio di guardare il sito per la redazione dei documenti per l’Europa.

Aggiornato il .
Articolo scritto da Fabrizio Betti , inserito nella categoria Informatica, il .
Condividi su Facebook. Condividi su Google+. Condividi su Twitter. Stampa questa pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *