Miglior smartphone cinese del 2015

Iniziamo subito con il pezzo forte: in molti mi hanno chiesto anche una recensione e vi prometto che non tarderà ad arrivare. Comunque il miglior telefono cinese che io abbia mai provato è sicuramente il OnePlus One!

Come accade per qualsiasi prodotto tecnologico che, nel tempo, passa dall’essere un’esclusiva a rivestire il ruolo di bene di largo consumo, anche il costo degli smartphone è andato riducendosi nel corso degli anni. Oggi, infatti, diversi modelli, specie se meno recenti, sono acquistabili a un prezzo piuttosto accessibile.

Miglior smartphone cinese

Tuttavia, chi desidera godere di un risparmio ancora maggiore, può affidarsi al mercato asiatico: qui, sono soprattutto i produttori di smartphone cinesi a farla da padrone, proponendo dispositivi Android di ultima tecnologia, compatibili con i servizi di rete italiani e, ovviamente, venduti a basso prezzo.

Ma qual è il miglior smartphone cinese del 2015? Dopo aver parlato dei tablet cinesi, mi sembrava giusto prlare dei loro cugini mobile! L’offerta è davvero vasta e non tutti i dispositivi sembrano poter contare sulla medesima qualità. Per evitare di incorrere in qualche “fregatura”, vediamo, quindi, i cinque smartphone made in China che sono alla vetta del successo.

OnePlus One

Casa produttrice fondata dal vicepresidente del gruppo OPPO, ha creato per la prima volta il suo primo (One!) modello: un vero successo e aggregato di tecnologia ai massimi vertici. Vi dico subito che io utilizzo questo cellulare da quasi 6 mesi e testato con la più famosa applicazione per i Benchmark su Android, AnTuTu Benchmark, risulta essere il device più veloce con il suo massimo score registrato e imbattuto (fino adesso).

Il OnePlus One ha un processore Qualcomm MSM8974-AC Snapdragon 801, 3GB di RAM a 1866 Mhz, fotocamera Sony posteriore da 13 Megapixel, anteriore da 5 MPX, registrazione video in 4K di definizione, schermo da 5,5 pollici Gorilla Glass 3 a 16 milioni di colori. Volete altro?!

Una delle pecche maggiori (anzi due) che ho riscontrato è la non espandibilità della memoria interna tramite SD e purtroppo la batteria non è estraibile. Essa è stata accuratamente incollata allo chassis e a diretto contatto con le componentistiche interne. Però la cover è intercambiabile, dovrete armarvi solamente di unghie lunghe!

Il prezzo ufficiale è di 269,00 euro se sarete invitati per effettuare l’acquisto, mentre su FlosMall lo trovate in spedizione compresa e senza necessità di inviti a 4-5 giorni effettivi con spesa di circa 330 euro.

OnePlus One cinese.

Xiaomi MI2

Quando si discute su quale sia il miglior smartphone cinese, il suo nome fa sempre capolino: MI2 di Xiaiomi è un dispositivo dal design solido e semplice ma, al contempo, anche altamente performante. Il costo della versione 16 GB è pari a poco meno di 2000 Yuan, circa 250 euro: si tratta di un ottimo rapporto qualità/prezzo, specie contando le caratteristiche tecniche del prodotto, che comprendono un potente processore quad core Krait da 1.5GHz e 2GB di RAM. Dal punto di vista multimediale, particolarmente degna di nota la fotocamera da 8 megapixel, che promette una buona resa anche sugli scatti macro.

Xiaomi MI2

Meizu MX4

Fra i punti forza dello smartphone MX4, di Meizu, figura certamente il suo lato estetico, grazie a un design che non passa certo inosservato, specie agli amanti dello stile Apple. Il dispositivo, combina uno schermo da 5.36 pollici a un resistente case in policarbonato, per un risultato compatto ed ergonomico. La sua potenza è supportata da un processore Quad core da 2.2 GHz + Quad core 1.7 GHz (un octacore di fatto!), mentre la sua fotocamera da 20.7 megapixel è firmata da un colosso come Sony. Fra l’altro, è il primo smartphone al mondo ad essere disponibile anche nella versione da 128 GB di memoria interna, sebbene tale variante sia difficilmente rintracciabile in Italia. Il suo costo? A partire da 339 euro, sul sito ufficiale di Meizu.

Meizu MX3

Oppo Find 5

Un ulteriore dispositivo che può contendersi il titolo di miglior smartphone cinese è poi Oppo Find 5. Il suo design moderno, fatto di curve sottili, linee morbide e semplici, nonché uno spessore ridotto ai 3,25 millimetri, si combina a tutta la solidità dei migliori materiali e a un display unico nel suo genere, un 5 pollici HD 1080p. Dalle prestazioni altrettanto avanzate anche a livello multimediale, grazie alla sua fotocamera da 13 Megapixel e ad altissima precisione, Oppo Find 5 combina la tecnologia alla massima velocità, assicurata da un processore quad-core da 1.5GHz Qualcomm e dalla GPU Adreno 320.  Il suo prezzo, in dollari, parte dai 399 $.

Oppo Find 5

Huawei Ascend P6

Huawei Ascend P6, caratterizzato da un design ultra essenziale e dotato del versatile sistema operativo Android 4.1 Jelly Bean, si presenta come lo smartphone più sottile al mondo, con i suoi appena 6,18 millimetri di spessore.

Ha un display LCD da 4,7 pollici con risoluzione HD e un’esclusiva interfaccia Emotion UI, che semplifica ulteriormente l’approccio al sistema operativo, rendendolo più funzionale e intuitivo. Lanciato al prezzo di 399 euro, oggi Ascend P6 è rintracciabile anche a costi notevolmente ribassati.

Huawei Ascend P6

ZOPO ZP980 Turbo

Ultimo, ma non per importanza, è poi ZOPO ZP980 Turbo.

Versione “potenziata” del fratello maggiore ZP980 Scorpio, si tratta di uno smartphone dual sim dalle caratteristiche tecniche decisamente interessanti. Il dispositivo monta un processore quad-core Mediatek e supporta 2 GB di RAM, ha il veloce sistema operativo Android 4.2 e una GPU PowerVR SGX 544, fino a due volte e mezzo più performante rispetto a quelle precedenti. Il suo prezzo si aggira intorno ai 300 euro sebbene, anche in questo caso, non manchino affatto le proposte online, a cifre scontate e decisamente più allettanti.

ZOPO ZP980 Turbo

Spero che questo elenco di quelli che reputo fra i migliori cellulari cinesi possa avervi fatto conoscere la grande avanzata verso la tecnologia di questi paesi che sono si, emergenti, ma stanno galoppando velocissimi!


Piaciuto? Aiutaci a crescere condividendo!


Condividi su Facebook. Condividi su Google+. Condividi su Twitter. Stampa questa pagina.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *